COPPI E BARTALI SULLE DOLOMITI

coppi-sul-falzarego
storia del ciclismo passo pordoi

il Monumento a Fausto Coppi sul Passo Pordoi

La storia del ciclismo è indissolubilmente legata alle Dolomiti che ti inviatiamo a scoprire con il nostro tour ciclistico delle Dolomiti

Sono state le imprese che i grandi di questo sport hanno compiuto sui Passi di queste montagne, che hanno reso immortali le gesta di questi Campioni e reso infinitamente amato e popolare il ciclismo.

E tra gli eroi delle montagne bianche non possono non essere ricordate le grandi sfide di Coppi e Bartali.

 

1937, il Giro d’Italia passa per la prima volta sulle Dolomiti

Il debutto delle Dolomiti al Giro d’Italia avvenne nel 1937 con la tappa Vittorio Veneto-Merano, 227 chilometri. Fu una tappa incredibile, vinta da Gino Bartali in maniera epica: scollinò per primo sul Passo Rolle e poi fece il vuoto dietro di sè. E le strade dei Passi non erano quelle asfaltate di oggi, ma semplici carrarecce, piene di sassi e buche pronte a tradire i ciclisti in ogni momento.

Ginettaccio arrivò a Merano solitario, con cinque minuti e mezzo di vantaggio sul secondo e la storia del ciclismo sulle Dolomiti iniziava nel mito.

 

I Giri del ’46 e ’47: le grandi sfide di Coppi e Bartali

Poi la guerra. Nel Giro del ’46 Bartali arrivo sulle Dolomiti in maglia rosa, Coppi attaccò sia a Pocol che sul Falzarego ma all’arrivo a Bassano nonostante il vantaggio, Ginettaccio era ancora in rosa.

Il giorno successivo la sfida si ripetè nella tappa Bassano Trento ma Bartali riuscì a resistere e rintuzzare gli attacchi di Coppi e alla fine il Giro fu suo con 47 secondo di vantaggio sul rivale di sempre e addirittura 15 minuti sul terzo!

Anche nell’edizione del ’47 del Giro a decidere la corsa furono le Dolomiti, con imprese che rafforzarono il mito di questi due eroi e di queste montagne. Bartali, in maglia rosa vinse a Pieve di Cadore, portando a 2’41” il vantaggio su Coppi; l’indomani, nella Pieve di Cadore-Trento, è però vittima di due cadute, sia sulla salita che sulla discesa del Falzarego.

Coppi lo sorpassò e sul Pordoi allungò con determinazione: dopo 150 km di fuga, vinse a Trento con 4’24” di vantaggio, strappando la maglia rosa a Bartali. A Milano trionferà per la seconda volta Coppi, a sette anni dall’ultima vittoria, con 1’43” su Bartali.

Da questo momento in poi le Dolomiti, le montagne bianche, ed i Passi che le caratterizzano divennero tutt’uno con il ciclismo e con le vicende degli eroi delle due ruote.

Per questo, ogni ciclista degno di questo nome, a prescindere dalle proprie prestazioni, età e palmares, non può non sentire forte dentro di sè il desiderio di confrontarsi almeno una volta nella vita con le Dolomiti e sentirsi meritatamente anche lui un vero eroe.

Noi torneremo sulle montagne bianche per 4 intense giornate di scalate e discese anche questa estate. Clicca e scopri i dettagli del nostro tour ciclistico delle Dolomiti

 

Print Friendly, PDF & Email
Marco Oggioni

Marco Oggioni

Co-Titolare at Aleste
mi occupo di marketing, comunicazione e aspetti commerciali. Pedalo, cammino, fotografo e leggo di tutto. Adoro i GPS, litigo spesso con lo smartphone!
Marco Oggioni

Latest posts by Marco Oggioni (see all)

Lascia un commento

I commenti sul sito web riflettono le opinioni dei loro autori, e non necessariamente le opinioni del portale Alesteadventourt. Quindi astenersi dal insulti, parolacce ed espressioni volgari. Ci riserviamo il diritto di eliminare qualsiasi commento senza spiegazioni.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.