CAMMINO DI SANTIAGO: COME SCEGLIERE LA BICI GIUSTA

il-cammino-di-santiago-in-mountain-bike
cammino di santiago in bici

Cammino di Santiago, la conchiglia simbolo dei pellegrini

Come scegliere la bici giusta per partecipare al Cammino di Santiago in MTB ? Questa è una domanda che ci è già stata fatta molte volte e allora ecco i nostri consigli.

Il primo luogo dobbiamo considerare che si trascorreranno molte ore in sella per 7 giorni consecutivi (qui trovi le tappe ). La comodità della bici e del sellino sono quindi i primi aspetti da prendere in considerazione: una bici sulla quale ci sentiamo a nostro agio e rilassati, unitamente ad una buona sella, magari in gel, sono certamente i primi requisiti.

Quanto alle leggerezza, si sa che una bici non è mai troppo leggera, ma in questo caso il fattore da privilegiare, visto che l’andatura sarà sempre cicloturistica, è quello della robustezza. Consideriamo comunque che le bici dovranno essere trasportate sul volo come attrezzatura sportiva al seguito dei partecipanti e quindi il peso di questo collo dovrà essere limitato, anche perchè ognuno nelle fasi di imbarco e sbarco dovrà trasportare la propria bici. A questo proposito vi consigliamo di leggere questo tutorial che insegna come preparare da sè un ottimo e comodo imballo.

Il viaggio progettato dallo staff Aleste Adventour prevede (come facciamo in ogni circostanza) che il bagaglio venga trasferito da una struttura di penottamento alla successiva dall’organizzazione e quindi niente portapacchi e niente sacche! Il classico zainetto da escursione giornaliera sarà sufficiente per avere con sè tutto il necessario per la giornata.

Come scegliere la bici giusta: rigida, front o full?

Rigida, front o full? Sicuramente front, per avere una maggior comfort di guida; volendo anche una rigida visto che non sono previsti passaggi impegnativi o in single track. Certamente non una full, che sarebbe sovradimensionata.

E le gomme? Una copia di tassellate belle fluide e scorrevoli, che vadano bene sulle carrarecce inghiaiate ma che scorrano lisce quando c’è grip.

Ovviamente è necessario che la bici sia ottimamente ben manutenuta prima della partenza, specialmente per quanto riguarda i freni, che devono essere nuovi ed efficienti, e la trasmissione.

Ricambi indispensabili: un paio di camere d’aria, toppe mastice e cavagomme, chiave multiuso, smagliacatena, falsa maglia e un pezzettino di catena. E già che ci siamo visto che non fanno peso, qualche coppia di guanti in nitrile. Da non dimenticare un catenaccio leggero ma sicuro: capiterà certamente di scendere dalla bici per rifocillarsi, o per visitare i luoghi interessanti lungo il percorso, ed incappare in un  “pellegrino” dalla mano lesta potrebbe essere veramente una gran seccatura!

Print Friendly, PDF & Email
Marco Oggioni

Marco Oggioni

Co-Titolare at Aleste
mi occupo di marketing, comunicazione e aspetti commerciali. Pedalo, cammino, fotografo e leggo di tutto. Adoro i GPS, litigo spesso con lo smartphone!
Marco Oggioni

Lascia un commento

I commenti sul sito web riflettono le opinioni dei loro autori, e non necessariamente le opinioni del portale Alesteadventourt. Quindi astenersi dal insulti, parolacce ed espressioni volgari. Ci riserviamo il diritto di eliminare qualsiasi commento senza spiegazioni.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.